That’s my blog… Life and Linux

Welcome back on blog.3v1n0.net….

Me, behind UbuntuSalve gente! Oh, no ora si parla “inglese” via….

Hi there!
This is the first blog post here after soooo many years… Something like almost 7 years, really?!?

Oh, yes… You all thought that I was dead as a blogger I guess, and well mostly I am as my time for writing really went below 0 during this time, and then… Well as always I wanted to keep this thing updated following “my rules” of keeping the timeline in sync with actual events, but this failed everytime… And so, yeah here we are after so much time!

The main reason why I become unresponsive during these years was that instead of writing text, I moved to write code (for real) and I found it much more fun and useful for the people around me.

More importantly during this period my commitment with the Free Software  increased and I  joined or submitted patches to various projects such as Compiz, Openmoko, EFL (Enlightment Foundation Libraries), GNOME, and… Well how you might think from the pic, Ubuntu.

Ubuntu took a very important role in my life since about the last months of 2010, when Unity, was proposed as the new default desktop environment, I liked a lot the idea, but it was still a new baby with many missing features and bugs and so I decided to jump on the boat to give my help to make Unity the best desktop.
This involvement lead me to join to my first, beloved, UDS in Budapest where I met for the first time a lot of “ubuntu-dev-heroes”. Once back I continued contributing a lot, as I enjoyed so much that experience that I wanted to make it something more than just an hobby…
And well, long story short, I’m now working at Canonical for more than 2 years as a Software Engineer for the Unity Shell! I love this job and I think we’re doing great things, trying to make the Ubuntu vision happen in every form factor.

You might be able to read more about this experience on my Google+ page or looking at my opensource contributions at ohloh.

PS: But… Is still anyone reading? 🙂

ADSL a Castel San Niccolò (AR) – Finalmente è REALTÀ!

DSLaMInterrompo la nuova pausa di riflessione del blog per una di quelle notizie, che seppur interessino davvero poche persone, rappresentano per il sottoscritto una vera e propria liberazione da quel bollino da "digital-diviso" che ormai avevo addosso da quando la “mitica” BB·B arrivò in Italia…

Infatti, dopo la lettera della Telcom Italia ricevuta dal mio comune nel Febbraio di quest’anno in cui si rendeva nota la pianificazione del servizio ADSL per il I semestre del 2007, e l’ufficializzazione nel sito wholesale di Telecom Italia avvenuta i primi di Maggio (che io ho scoperto 😛 e di cui ha riportato la notizia mio cugino AleXit) in cui – cripticamente – si parlava del 31 Giugno, e ancora, dopo che la centrale principale di Prato di Strada – situata accanto a casa mia (anzi, in un certo modo è casa mia visto che lo stabile è di proprietà di mia nonna) – è stata “assalita” senza interruzione da Omini Telecom per tutto il mese: quest’oggi, dopo che un primo controllo di routine fatto nel primo pomeriggio aveva avuto esito negativo, AleXit mi ha avvertito che qualcosa era cambiato, ed ecco cosa:

ADSL attivabile a Castel San Niccolò (AR)

Come potete vedere, dopo anni di niet, adesso il semaforo di toscanini è finalmente verde!

Potrete sicuramente (o forse no?!) immaginare la gioia che una notizia del genere possa suscitare in uno smanettone informatico 😛 che ha fatto della Rete la sua seconda casa, vissuto fino a 21 anni senza banda larga (ormai dovrebbe essere un diritto costituzionale :D)…
Magari avrei sentito la necessità di una connessione broadband più qualche anno fa (ai tempi del Liceo…) visto che ora sto poco in casa e non abuso troppo della banda, ma vi assicuro che fin’ora la mia vita informatica non è stata sempre in discesa…

Nel mio caso, è apparso anche il messaggio «Servizio disponibile con intervento tecnico preventivo» visto che attualmente ho in casa una linea ISDN che dovrà essere rimossa, ma su questo e sui miei trascorsi telematici vi farò sapere in futuro…

Attualmente il servizio è disponibile per le numerazioni 570xxx, 572xxx e 550xxx (già disponibile da tempo essendo gestiti dalla centrale di Borgo alla Collina), mentre non è ancora disponibile per le numerazioni 555xxx (della centrale di Cetica, la cui attivazione è prevista sempre per fine giugno).

Ora, non mi resta che decidere quale servizio acquistare, siccome ho un vecchio contratto flat (dialup) con Tiscali di cui non avevo potuto ancora chiedere la disdetta, per evitare di pagare altri mesi inutilmente pensavo di usare quello, però posso avere al massimo una 4Mb. Altrimenti, c’è sempre la cara Mamma Telecom con cui, vista la distanza dalla centrale, non dovrei avere problemi ad avere una bella 20Mb, ma non so bene come funzioni… Quindi fatemi sapere!

PS: Ovviamente, io e alex abbiamo messo l’annuncio su www.comune.castel-san-niccolo.ar.it 😉

C’è nessuno?! Qui, pare di si…

Torno subito...Rieccomi!! 🙂
Quasi, mi vergogno un po’ a tornare qui dopo mesi (sigh!) di assenza da queste pagine, la mia vena blogghistica negli ultimi tempi si è affievolita molto, ma certamente non perché non ami questo splendido mezzo per interfacciarsi col mondo, ma perché tra il tempo da dedicare alla real life e quello speso nella mia costante ricerca della perfezione informatica 🙂 e nel mio “interesse nel tutto”, tendo ad applicarmi in moltissime cose che poi non mi danno il tempo di raccontare o commentare quanto accade nella Rete e talvolta neanche quanto produco io stesso (anche perché poi vorrei farlo usando la miglior forma :)), insomma le solite concause che mi hanno sempre limitato in questa attività recentemente si sono moltiplicate incrementando ulteriormente la mia TODO list.
Per dirla breve è sempre il solito {gatto,cane,animale_con_coda_e_bocca*} 😀 che si morde la coda :|.

Ad ogni modo quando si trovano nella rete post come «trevino dov’è finito??!!» e si ricevono commenti, mail o messaggi IM chiedendomi che fine ho fatto diciamo che bisogna almeno far sentire la propria voce per dire che, ovviamente, ci sono sempre e come prima solo che ultimamente preferisco produrre (sia pur cose che magari non hanno un immediato utilizzo), piuttosto che fare “marketing” 🙂
Quindi state tranquilli che come dice qualcun altro, in altri ambienti ed ad altre persone: Treviño c’è! 😀

Alla prossima! 😉 

Happy 21st Birthday to Treviño

Compleanno 21Beh… Ormai i miei auspici mensili di riuscire a postare articoli “seri” al di là delle ricorrenze sono inesorabilmente falliti, e questo Dicembre passerà alla storia come privo di articoli particolarmente interessanti per il mio pubblico, però… Ormai è andata così e lasciamo che questo mese un po’ "rilassato" per definizione finisca per portarci verso il nuovo anno
Nel frattempo, se non sarete troppo indaffarati dai preparativi per il cenone, vi rendo partecipi di questa ricorrenza nella ricorrenza un po’ "particolare", appunto, per il giorno in cui la festeggio augurandomi Buon Compleanno 😛

Happy 21st Birthday

Beh, lo so di solito gli auguri si attendono dagli altri però, avendone particolarmente bisogno, non mi pare un gesto eccessivamente megalomane quello di augurarmi un 21° anno di vita felice visto che da adesso posso ufficialmente dire di essere entrato nel mio terzo decennio di vita :o…

Ora non ho troppa voglia di fare un resoconto sull’anno appena passato, ma diciamo che molto banalmente ha avuto i suoi alti e bassi nei tanti aspetti da cui è stato caratterizzato!

A prestissimo! ^_^

Merry TuXmas!

Beh, questo Dicembre per ora l’ho usato solo per festeggiare ricorrenze, spero di riuscire a trovare il tempo per cambiare rotta, ma di certo non potevo saltare il Natale; quindi…

Merry TuXmas 2006 - Tux Tree decoration for Christmas 2006

Beh… Ammetto che è un augurio un po’ insolito :P, però ho contratto l’inglese «Merry Xmas» (dove “Xmas” viene usato per abbreviare “Christmas”) con il nome del pinguino più simpatico e più amato: Tux! 😉
Come infatti potete notare dalla foto (leggermente ritoccata con Gimp), quest’anno la nostra mascotte fa parte delle decorazioni del mio albero di natale! Ora, non prendetemi troppo per nerd e apprezzate la mia opera ^_^ !

Se ancora non avete capito e volete rimanere al saluto più convenzionale, di nuovo… Buon Natale a tutti! :bye:

Un anno di Treviño’s Blog

Un anno di Treviño's Blog - One year of 3v1n0Lo so, lo so… È davvero tanto che non butto giù qualche riga in questo spazio, ma come vi ho detto già tante volte il tempo è poco e gli impegni e gli interessi troppi, quindi molto spesso non ce la faccio a postare degli articoli per raccontarvi cosa combino, anche perché sono dell’idea che è meglio fare un post completo che uno ridotto all’osso (magari sbaglio, però…).
Tuttavia oggi non potevo proprio mancare certo all’appuntamento con questa mia "bacheca", visto che esattamente un anno fa – il 12 Dicembre 2005 – con questo post nasceva per caso e tra l’indifferenza generale il Treviño’s Blog!

Come ho appunto detto, il 3v1ñ0’s Blog nacque «per caso»; sì!
Devo dire che il primo entusiasta della blogosfera (nonché 1° blogger) di casa fu il mio babbo che spesso mi chiedeva «Ma li conosci/leggi i blog?» ed ad una mia risposta negativa mi ripeteva che erano uno strumento potente che permettevano a tutti di pubblicare testi ed informazioni di ogni tipo.
Nonostante questa pubblicità casalinga (e non solo), rimasi indifferente (o anzi, quasi un po’ stizzito) da tutta questa nuova mania perché mi sapeva un po’ un mondo in cui tutti chiaccheravano a vanvera ed in cui le fonti attendibili erano poche…
Finché googlando a ripetizione mi resi conto dell’effettiva utilità che assumevano i blog nel diffondere notizie ed informazioni in quello che era ( è e sarà) il mio mondo: quello del software libero… Visto che il free software vive grazie alla community e che questa deve esprimersi per condividere esperienze e risorse, non c’è modo migliore di farlo se non usare un Web Log 😉
Inoltre sentivo la necessità di avere un posto “mio” in cui raccogliere tutto quello che altrimenti spargevo per i meandri della Rete e che magari avrei potuto perdere col tempo…

Così quasi per gioco mi misi a provare Galina (un proof of concept che permetteva di usare Gmail come base per il proprio blog) ma trovando diverse difficoltà scelsi di andare sul sicuro e mi buttai subito su WordPress potenziato da vari plugin, ed alcune modifiche al codice abbellito dal look del tema Impact (quello ancora presente); mi misi quindi a scrivere il mio primo post intitolato «Eccomi nel mondo dei Blog!» (e già da lì si capiva che non ero un tipo sintetico :D) tra l’altro corredato da un introduzione che non è visibile perché era solo per i feed, ma che riassume bene il mio “salto”:

Dopo mesi di indecisione e menefreghismo nei confronti di questo mezzo (il blog, ndr), mi metto anche io in ballo in quella nuova moda collettiva che tuttavia da voce al Popolo di Internet

Non sembra molto convinta, vero?! 🙂 Ma d’altronde nemmeno il susseguente post lo era…

Ora, dopo un anno di blog è l’ora di fare un po’ i conti… Sicuramente ho raggiunto un successo in termini numerici che non mi aspettavo: ci sono 127 articoli (+ innumerevoli bozze :|) con quasi 1500 commenti (e non vi dico lo spam :(); ricevo una media di oltre 2000 visitatori unici al giorno (e record di 12571), feedburner riporta quasi 300 lettori di feed ed infine vi sono articoli che ricevono centinaia di visite internazionali ogni giorno tra cui regna sicuramente la Lista Repository (sources.list) per Ubuntu / Kubuntu (odiata od amata che sia, incassa visite a ripetizione). Non cito classifiche technorati o derivate visto che col cambio di indirizzo (che è ancora provvisorio, attendendo ancora consigli in merito) ho perso "tutto", comunque dovrei essere nella top300 dei blog italiani 😉

Parlando un po’ più in generale, come possono aver capito i miei amatissimi lettori :P, qui si cerca più che altro di fare approfondimento, evitando di riportare notizie “note” ai più se non sono “scoop” (non amo ripetere notizie che fanno il giro della blogosfera a forza di copia ed incolla) cercando sempre di pubblicare post il più possibile completi, magari dal contenuto inedito ed anche esteticamente apprezzabili (seppur con una formattazione anche eccessiva).

Insomma poi ognuno si faccia la sua opinione, semplicemente se vi è piaciuto quello che è venuto fuori dalla mia tastiera, continuate a seguirmi (se invece non vi è piaciuto, fate sapere le vostre ragioni)! ^_^

Back home. Vacanze archiviate anche quest’anno…

Casa Ippolito Rieccomi a casa…! :huh:
No, non avete sbagliato a contare, nel post precedente – postato il 5 agosto poco prima di partire – avevo infatti scritto che sarei stato via 15 giorni, e così è stato ma come spesso mi capita mi sono preso una sorta di “settimana sabbatica” nella quale non ho passato troppo tempo al PC, ed in cui non ho quindi scritto nulla sul mio ritorno, adesso invece è tempo di riprendere un po’… Ho pianificato già un sacco di articoletti e spero vivamente di riscire a buttarli giù anche se lo studio sta tornando a riprendersi del tempo 🙁

Comunque, facciamo un passo indietro per raccontarvi un po’ la mia avventura salentina arricchendo il tutto con un po’ di foto scattate con la mia nuova Samsung Digimax i6 PMP :P…
Arrivo a Gallipoli! Come detto eravamo in 8 (6 maschi e 2 femmine emoticon ), siamo partiti da casa il 5 agosto alle ore 4 pronti ad affrontare un viaggio che predevamo lungo e ricco di code, invece devo dire che con 13 ore di auto (e parecchie soste intermedie) siamo arrivati alla meta senza grossi intoppi tranne qualche piccolo rallentamento.

"Toccando il primo mare" Dopo aver toccato per la prima volta il Mar Ionio, abbiamo preso possesso del nostro appartamento che, come ci ha ricordato più volte l’agenzia che ce l’ha affittato, si trovava in «posizione logistica perfetta», essendo a pochi metri dal mare (cosa che ci faceva risparmiare l’uso della macchina e quindi il pagamento dei carissimi parcheggi da 1.5€/ora) e dal supermercato; vicinissimo inoltre alla passeggiata che portava verso il centro di Gallipoli, pieno di vita ad ogni ora del giorno.
Il nostro condominio a GallipoliL’appartamento, situato al 3° piano (come ben si intuisce dalla foto :D), piuttosto luminoso e con vista mare ci ha però inizialmente regalato una cattiva sorpresa perché si erano dimenticati (?) di pulirlo. Tutto si è comunque risolto poco tempo dopo, anche se abbiamo avuto qualche altro problemino dovuto al fatto che l’appartamento non era certo per 8 persone (nel senso che in un ampia sala dovevamo dormirci in 3 o 4), e quindi i condomini di sotto non hanno esitato a lamentarsi per l’eccesso di rumore involontariamente molesto con minacce ed urla che non hanno fatto altro che rendere più vivace la nostra convivenza condominiale :).

I giorni a seguire hanno assunto tutti la solita piacevole routine marittima fatta di sveglie moooolto ritardate, pranzi nel primo pomeriggio, riposini post-prandiali, ultime ore di sole al mare, cene in tarda serata ed uscite serali di durata illimitata fino alle prime luci dell’alba.
Ozio marittimo... Routine che però si è nei giorni successivi “leggermente” modificata per alcuni membri del gruppo visto che si sono beccati dei tipici (?) malanni di ferragosto 😮 che li hanno costretti a rimanere in casa demoralizzando anche un po’ il resto della ciurma
Comunque sia, come è ovvio in queste circostanze, tra uno scherzo e l’altro i nostri giorni di vacanza si sono consumati velocemente.

Il mare di GallipoliLa nostra vita marittima, nei primi giorni, si è svolta principalmente nel tardo pomeriggio (diciamo dalle 4:30 in poi <_<) considerando che la notte finiva per noi molto tardi, cioè molto presto :P, però effettivamente al di là di un tramonto mozzafiato, con quel ritmo, ci perdevamo il meglio di Gallipoli, ossia il Mare. Negli ultimi giorni abbiamo quindi deciso di sacrificare qualche ora di sonno per goderci quel mare che avevamo raggiunto percorrendo quasi 1000km; e come potete vedere dalle foto ne è valsa la pena.
L'alba a GallipoliTra l’altro nelle ultime due sere utili, abbiamo deciso di prenderci tutto e così, dopo essere usciti dalla discoteca di turno, e dopo una colazione a base di cornetto caldo in uno dei bar già strapieni (alle 5!) del corso, siamo andati in spiaggia all’alba per godersi il verde del mare che si materializzava pian piano… Cercando poi di dormire (quasi invano) tra le grinfie dei vari turisti (locali) che arrivando rioccupavano la “loro” spiaggia :angry:. Comunque resistendo fino a circa mezzogiorno non ci si perdeva lo spettacolo e, ritornati a letto, eravamo comunque in grado di riaffrontare una nuova serata!
Purtroppo non ce l’abbiamo fatta a spostarci alla ricerca delle spiagge più famose del Salento. Sarà per la prossima volta… 😮

Alba in Discoteca Nelle nostre serate ci siamo spesso “tuffati” nell’affollatissimo centro di Gallipoli zeppo di bar e altre attività commerciali (anche se un po’ carente in pub/birrerie) nella parte nuova, mentre più raccolto e caratteristico nella parte vecchia, per poi spostarsi – magari dopo una mezzoretta in coda – fuori dalla città dove potevamo trovare discoteche di ogni tipo, seppur con serate spesso "particolari", anch’esse affollatissime e pronte ad una selezione spietata (col Rio Bo in primis).

Otranto by night Nei limiti del possibile abbiamo anche cercato di muoverci un po’ nel bel Salentu («Lu mare, lu sule, lu ventu…!» :lol:), trascorrendo alcune serate nelle cittadine più caratteristiche del Tacco d’Italia quali Otranto, Santa Maria di Leuca e Lecce. Tra queste, oltre alla Lecce barocca (ma non per questo “pesante”), degna di nota per il turista-tipo è sicuramente Otranto: la città più ad oriente d’Italia, situata su un territorio leggermente collinare con un castello che domina sul porto naturale è caratterizzata da un brulichio di stradine che, piene di vita e di locali, mi ricordano molto i paesini delle Cicladi.

Foto di Gruppo - Gallipoli 2006 Il ritorno è stato, come l’andata, molto tranquillo (nonostante fosse il 19 agosto ed i 40° gradi di temperatura!) ci abbiamo messo circa 12 ore riducendo un po’ le fermate e modificando il tragitto, tra l’altro abbiamo avuto la fortuna di allietare anima et corpore grazie all’incontro di Maria Grazia Cucinotta in una stazione di servizio ^_^. Purtroppo non è stato possibile fare una foto di gruppo con lei, ci siamo quindi accontentati di un autoscatto tra di noi… 🙂

Il mare di Gallipoli - Lido San giovanni / Baia Verde
Otranto di Notte

Clicca qui per vedere tutte le altre foto!  

Ciao!

PS: Tutte le foto che ho postato qui e su flickr sono state ricompresse e ridimensionate per occupare meno spazio (nel PC ho circa 640 foto per oltre 1,4Gb di jpeg :)), se qualcuno ne volesse una copia in originale non esitate a chiedere!

Finalmente Vacanze… La partenza è vicina(issma!)

MareeeeeeeeeeeCiao, post davvero di fretta questo… Fra neanche mezz’ora mi ritroverò infatti con altri miei 7 amici pronti per paritre per la nostra vacanza 2006… Sono ancora tutto teso per prepare le ultime cose ed impostare i vari oggettini Hi-Tech che “dovrò” portarmi dietro…

Meta: Gallipoli!

Gallipoli da Google Earth

Considerando che dovremmo farci oltre mezza Italia «all’ingiù» e che è il 5 agosto prevedo diverse ore in macchina (magari in coda <_<), ma essendo tra amici in vacanza non potremmo far altro se non divertirci!

In Puglia abbiamo prenotato una casa diversi mesi fa… Ecco come appare dal satellite:

Vi saluto di corsa perché come detto sono davvero in ritardo (come sempre :|), comunque vi do la solita raccomandazione… Fate i bravi e spero che gli spam-bot si mettano un po’ in ferie anche loro!

Ci vediamo tra 15 giorni (magari con un “pacco” di foto)!!! 

TUTTO VERO! Gazzetta del 10 Luglio 2006 a 2€!

Gazzetta 20060710Siamo ad una settimana dal nostro grande “trionfo” mondiale, e a pochi giorni dall’altrettanto grande “tonfo” «nazionale» in cui sono arrivate le maledette sentenze di primo grado su calciopoli che stanno portando la «mia» Fiorentina ad un male molto più grande di quanto Diego & c. meritino davvero… Dopo un campionato perfetto ci tolgono la ricompensa e l’onore. Ciò nonostante sono abbastanza fiducioso per il futuro, seppur pensi (e lo penso da settimane) che il campionato 2006-2007 non s’ha da fare o il «pasticcio all’italiana» si rinnoverà :|.

Ad ogni modo, torniamo in tema… Come detto, sono passati ormai 7 giorni da quel 9 luglio 2006 che ha regalato a milioni di italiani sparsi per il mondo una felicità che poche altre volte nella vità potranno provare; un giorno fatto di anzia, lacrime, disperazione ed infine Gioia (®, quella vera! :lol:) seguito da una notte di puro delirio in cui le luci hanno tardato a spegnersi, e le bandiere ad ammainarsi.
Ma, l’indomani mattina qual’era il modo migliore per catalogare quella splendida giornata con un inquivocabile «Io c’ero»?! Beh… Chiaro! Comparsi la Gazzetta dello Sport!

Peccato che… In poche ore gli italiani se ne sono “fumate” un milione e mezzo e anche le ristampe del pomeriggio e del giorno successivo sono andate a ruba; cosa possono fare quindi quelli che come me non sono riusciti ad acquistarne nemmeno una copia (tra edicolanti poco forniti e altri impegni personali)?!  😥

Beh, ancora una volta la «Grande Rete» ci è corsa in aiuto… Su A.S.E. Web è infatti possibile acquistare qualsiasi arretrato della Gazzetta (e di altri quotidiani o periodici) con soli 2€ (3 per chi abita all’estero) compresa la spedizione!!
Alla faccia di chi la rivende su ebay a caro prezzo… <_<

Per acquistare la copia del 10 Luglio 2006, fate click sull’immagine qui sotto (creata ad hoc ^_^):

Gazzetta dello Sport dei Mondiali a 2 euro

Allez les Bleus! Oui… À la maison!

A casa, galletti!!!! 🙂


(foto davvero emblematica)

In questo caso (dopo il ’98 ed Euro 200) la delusione dell’avversario non fa altro che fomentare la nostra gioia… 😛

Davvero complimenti, al “campione” Zidane, abbandona il calcio da vero signore… <_<

« Previous Entries