That’s my blog… Life and Linux

La lotta dei sistemi operativi a TG3 Scenari – Linux? Presente!

Compiz al TG3Ieri, mentre ero a pranzo con i miei circondato dal solito sottofondo televisivo, una strana parola proveniente dalla “scatola nera”, su cui era in onda il TG3, è giunta al mio orecchio facendomi subito sobbalzare: LINUX!
Beh, lo so che è accaduto anche di recente che si parlasse di pinguini in TV (in tal caso era il TG1), ma non è che ci si faccia così tanto l’abitudine visto che ancora ci possiamo considerare una minoranza dentro ad un ambito (quello informatico) che viene normalmente ignorato o al massimo trattato con superficialità dai [nostri] media…

Ad ogni modo, era tutto vero; la rubrica "Scenari" del TG3 curata da Roberto Reale ha trasmesso ieri un breve reportage in cui si parlava della «guerra degli OS» definendo per ogni "prodotto" il proprio target… Questa la presentazione ufficiale:

Il 90 per cento degli utenti di computer usa Windows e la Microsoft sta per lanciare il nuovo sistema operativo "Vista". Ma crescono nel mondo i rivali, come Linux, sistema operativo gratuito. Se ne parla a Scenari, la rubrica di tecnologia e società a cura di Roberto Reale.

Per chi non avesse visto il servizio o per chi lo vorrebbe rivedere, mi pare opportuno linkare il video che ho ripubblicato su YouTube. Altrimenti potete vederlo in streaming (formato Real Media) con il vostro player da questo indirizzo (usate invece mplayer -dumpstream <url> per scaricarlo)

Al di là del fatto che si è trattato troppo bene Vista, imho (senza ricordare per esempio, che l’unica retrocompatibilità l’avrà con i virus, e senza sottolineare che non ha poi tutte queste innovazioni rispetto a quello che già esiste su Linux, Mac OS X & co.), per quanto riguarda le considerazioni generali il servizio mi è parso fatto abbastanza bene definendo più o meno il target di ciascun OS (omettendo che spesso non è prorpio una scelta)…
Tralasciando cosa si è detto sugli altri sistemi, la nostra parte l’ha retta un fantomatico “uomo Linux” che si è poi rivelato essere Alessio Porcacchia – guru della sicurezza informatica nonché esperto di sistemi unix – che era anche già stato intervistato (come tutti gli altri "ospiti") per un precedente servizio del tg3 risalente a novembre 2006. Seppur sia stato evidentemente tagliato e seppur di cose da dire ce ne sarebbero un sacco, alla fine è stato importante sottolineare come ormai il pinguino faccia il suo lavoro egregiamente anche a livello desktop!

Unica cosa che ora mi sento di criticare è il fatto che si continua a definire Linux come il «sistema operativo gratuito» invece che il «sistema operativo libero»! Tra le righe lo si è forse inteso, ma dirlo esplicitamente non mi pareva una cosa sbagliata…!

Infine, ultima chicca… Non so se l’avete notato, ma è stato mostrato il cubo di Compiz / Beryl! Per poco, ma chi lo conosce l’ha sicuramente notato subito! Nel caso ve lo siate perso riguardate il video paragonandolo con l’immagine in cima a questo post!
Purtroppo, anche in questo caso, non è stato enfatizzato troppo, ma mi accontento lo stesso! 🙂

Bye!

  • Qualcuno disse "Non è importante che ne parlino bene o male: l’importante è che ne parlino", fatto sta che io personalmente ho notato che la curiosità per linux è cresciuta a dismisura: qualche giorno fa ero in un centro commerciale nel reparto "giornali e riviste", la solita calca di uomini in zona "riviste per pc, video digitale ecc." (perchè poi non si vede mai una donna passare in rassegna quei titoli non lo so, forse lei fa lo shopping vero e "parcheggia" il marito lì…boh) e fin qui tutto normale, ma le riviste che sfogliavano i suddetti maschietti nulla avevano a che vedere con window$, e parlo almeno di 10 persone nello stesso momento. Il target di età poi mi ha sbalordito: un distinto e incravattato 50enne, un almeno 60enne (meno distinto e meno incravattato) ed un altro po’ di "padri di famiglia".

    Insomma, ho l’impressione che gli hackers del futuro saranno gli over40, e non più gli smanettoni tra i 12 e i 20.

     Bella Ugo!

  • lukax8

    Io trovo un pò ridicolo quando dicono "i vecchi computer andranno sostituiti" per far funzionare Vista. Sono impazziti? Gli utenti dovrebbero cambiare un pc solo per far funzionare il nuovo sistema operativo? Bah, che cosa ridicola!

    Io sono ancora fermo al P4 e 512 Mb di ram, non penso proprio di buttare il mio portatile!

    Secondo me questi sono molti punti a favore di Linux! 

  • ivan

    Va be dai il servizio non è il massimo ma nemmeno da buttare ! ok TG3 speriamo che i prossimi se mai ci saranno siano meglio.P.S. ma quando cominceremo  a vedere in RAI usare sitemi operativi differenti da MS ? che è un azienda pubblica con non pochi problemi di finanza , magari usando sitemi operativi liberi (che per uso che ne fanno almeno nelle redazioni giornalistiche  prevalentemente Web e Email per cui Linux e gia alla pari se non superiore  ai sistemi propretari.)ci farebbero risparmiare non  pochi   soldi anche a noi poveri mortali! e sarebbero per una volta tanto  da esempio! anche se mi sa che non arrivera mai anche perche RAI e governo con MS vanno  a braccettoe non è un segreto basta guardare i loro siti web.

  • Mazzulatore

    Chiaro che parliamo del 70% dell’innovazione in Vista e so che compiz gira anche su macchine non contemporanee ma secondo me l’hype che si sta creando sul fatto di dover cambiare pc per vista è un po’ eccessivo, in fondo si tratta solo dell’interfaccia che rimane quella di XP in caso di un computer vecchio. XP gira bene su un P2-350 256MB e parlo di XP liscio e non essiccato.

  • tezla

    che xp giri bene su un p2 con 256 mb di ram, scusa ma mi fa ridere.
    forse intendi il sistema base senza alcun software installato, la lourdes service pack, perchè bastano due applicazioni e croda di brutto raggiungendo velocità da pallottoliere.

    al contrario io credo che il recupero dell’hardware “obsoleto” possa essere la chiave di volta di gnu linux…io per esempio sto scrivendo da una macchina con un pentium 3 1ghz 380 mb di ram e scheda ati a 32 mega, con gnome e compiz…il pc viene dal mio ufficio e doveva essere rottamato.

    in questo modo si potrebbero attualmente approntare laboratori informatici per le scuole (tutti sappiamo quanto ce ne bisogno) a costo praticamente nullo.
    saluti e buon anno

  • Arael

    Peccato…considerato che le l’utenza televisiva in generale non conosce queste cose avrebbero anche potuto spendere 5 minuti in più e parlarne in maniera un po meno superficiale. Se non alla scelta futura ne gioverebbe almeno alla cultura che credo non guasti mai.

  • Visto in diretta 🙂

    Non sarà un gran servizio… ma sempre meglio di niente! Mi ha fatto piacere sentire la parola LINUX al tg… 😛 

  • vabhe

    ne parlano come si parla di un FREAK, una curiosità da baraccone, senza approfondire, come sempre.

    imho, il problema è che quando la gente dovrà trovare un’alternativa a vista (perchè alcuni  riescono ad intuire che qualcosa non và, nei loro computer), si guarderà attorno e NON TROVERA’ NESSUNO.
    Nella mia esperienza non esistono service per le piccole media aziende che non siano eccezioni semi sconosciute.

    Non sento pubblicità per radio, gli unici che offrono linux lo fanno per aziende di notevoli dimensioni e quasi esclusivamente "lato server".

    Se "mio cuggino" (che fà le scarpe e non sa niente di computer ecc; con 3 pc e 20 dipendenti; esigenze: fatture, email, internet e poco più -> ergo perfettamente in target per una qualsiasi distribuzione odierna out of the box) dovesse decidere di mollare win, da chi và?

    nel centro del suo tipico_paese_del_nord_italia c’è un solo negozietto che vende pc e fà assistenza ed immaginate un po’ quanti sistemi operativi sono a disposizione…

    il problema è la mancanza di diffusione tra chi deve fare vendita ed assistenza, non tra chi li deve usarli sti desktop!

  • Il nostro bene amato cubo è stato usato anche da neapolis per fare un servizio su wikiasari.

    ovviamente nessuno ha mai sentito nominare compiz o beryl in quel programma… 

  • Bigshot proprio a riguardo di quello, stavo iniziando a scrivere, qualche giorno fa, una lettera aperta da mandare a Neapolis… L’ultima volta che ne hanno parlate forse non esisteva neanche Ubuntu… :/ Penso che abbia fatto più servizi su Linux Dispenser che, chi dovrebbe fare approfondimento informatico.

    Che poi si mettano ad usare gli effettini solo perché "cool" senza nemmeno citarli fa ancora più schifo :/

  • si in effetti come al solito hanno definito linux gratuito non libero  più volte ho fatto presente la cosa ma è difficile da far capire… comunque meglio di niente… e importante che comunque, qualcuno abbia fatto parlare qualcuno di linux. Grazie comunque del tuo commento… ciao

    A.P. 

  • p.s sei stato gentilissimo a citare il mio sito grazie ancora

  • p.s.s scusate il posting con winzozz ma sto in azienda 😀

  • Figurati… Grazie a te per averci messo del tuo nel "spargere la buona novella" :P, anche se immagino che tu abbia parlato ben più di quanto sia stato mostrato sottolineando anche altri aspetti, ma appunto ci dobbiamo accontentare!

    Facci sapere se ti ricapita di dover avere di nuovo rapporti con TV o altri media di massa!
    È stato un onore ricevere la tua visita

    # PS: Che è quel "Uindows XP", eh?! 😛  -> mi ero perso il terzo commento ^_^ (ma immaginavo)

  • hehehe hai visto? hanno fatto come dicevi e fatto visualizzare il cubo 😀

    davvero poco pero riaspetto a quanto si sono enfatizzati sugli screen saver emoticon 

  • Look for my homepage please. | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | | |

  • Ehm… Mi sa che ti conviene guardare su youtube… La RAI lo ha reclamato!

    p.s.: ma che senso ha guardare gli screensaver?! 

  • Vero, comunque il link al file originale funziona sempre!